venerdì 15 luglio 2011

Mini-ciambelline "demodè" con giulebbe al limone



Quelle di cui vi parlo oggi, dalle mie parti sono sempre state definite “ciambelline al limone”.  E io stessa le ho sempre chiamate così.

Ma nel momento in cui mi sono messa a scrivere il post mi sono chiesta fino a che punto questo nome sia corretto.

Per essere delle vere ciambelline forse dovrebbero:


1)  essere un pochino più grandi, quel tanto da rendere visibile il buco al centro

2)  essere un continuum, invece questa forma ricorda più quella dei taralli.

Consapevole di essermi addentrata in una questione….spinosa quanto inutile, glisso e vi porto la prova provata che anche le mini ciambelle escono col buco!






Quando ero bambina (non tantissimi anni fa, dai!) trovavo queste ciambelline ovunque: buffet per cresime, comunioni, matrimoni…..
Poi sono sparite e non essendo un “dolce di casa mia” non le ho più mangiate per anni. Sono passate di moda!
Mi è capitato di rincontrarle recentemente e mi sono piaciute talmente tanto che ho deciso di farle.
Ma sembrava che nessuno in giro le sapesse fare e sul web non ho trovato nulla di paragonabile.
Al che ho fatto ricorso alla mia carta segreta dei casi estremi: ho sguinzagliato quel segugio-scova-ricette di mia madre, che se decide di entrare in possesso di una ricetta, diventa una specie di calamità naturale per il malcapitato detentore dell’ambito bene.
Ed infatti, nel giro di un paio di giorni, mi ha servito su un piatto d’argento non solo la ricetta, ma addirittura l’assistenza  diretta all’esecuzione da parte di una illustre esperta in ciambelline al limone (una sua gentilissima collega che ringrazio molto!).
Non è difficile farle, anzi…!
C’è solo un passaggio un po’ delicato: le ciambelline vanno intinte nel giulebbe  quando fila, un attimo prima che diventi caramello.

Ma procediamo con ordine…ecco la ricetta



I limoni e i fiorellini di legno non sono solo decorativi, ma hanno evitato che il vento portasse via tutto!


Mini-ciambelline con giulebbe al limone
Dosi per... un bel po' di ciambelline!
 

Per l'impasto
5 uova
50 gr di burro
500 gr di farina 00
 

Per il giulebbe
1/2 litro di acqua
1/2 Kg di zucchero
la buccia di 4 limoni grattugiata
 

Procedimento
Su di una spianatoia impastiamo molto bene tutti gli ingredienti indicati. Ricaviamo dei filoncini come se dovessimo fare gli gnocchi e diamo forma alle ciambelline. Le lessiamo in acqua bollente: aspettiamo circa 5 minuti da quando l'acqua riprende il bollore prima di scolarle. Possiamo lessarne un po' alla volta  per evitare che la temperatura dell'acqua scenda troppo e impieghi tempo prima di ribollire. Mentre svolgiamo questa operazione le prime ciambelline che avremo tolto dall'acqua le metteremo in una ciotola, tranquillamente le une sulle altre, coperte da un panno per evitare che si formi la crosticina.
Quando avremo finito di lessare disporremo le ciambelline in un solo strato su una placca da forno e le cuoceremo per 30 minuti a 170/180°. Devono avere un colorito dorato.
Prepariamo il giulebbe. Facciamo bollire l'acqua con lo zucchero: lo sciroppo deve ridursi di almeno la metà, è pronto quando fila ed ha assunto un colore dorato, ma non è ancora caramello.
A questo punto possiamo procedere con l'ultimo passaggio: mettiamo sul fuoco una teglia (tipo quelle da forno in alluminio che possono andare anche sulla fiamma) a fuoco moderato, vi disponiamo parte delle ciambelline, diciamo un terzo, con un paio di mestoli di sciroppo di acqua e zucchero e un terzo della buccia del limone. Le rimestiamo (non preoccupatevi, non si rimpono!) con due cucchiai di legno fino a che il giulebbe e il limone avranno aderito alle ciambelline.
Procediamo allo stesso modo fino ad esaurimento. Le disponiamo man mano su una spianatoia di legno per farle raffreddare.
 

Note
- preparare queste ciambelline è più facile a farsi che a dirsi. Nel momento in cui starete passando le ciambelline nello sciroppo e nel limone vi renderete conto da sole se sarà necessario un po' di sciroppo in più o un po' di buccia.
- le ciambelline sono buone come merenda, come snack se insorge un po' di languorino o ...voglia di qualcosa di buono! Secondo me con un limoncello fresco possono rappresentare anche un valido fine-pasto.

- con questa dose a me sono venuti fuori due cestini di ciambelline!

21 commenti:

  1. Non le ho mai assaggiate. Sembrano buone e il nome che hai dato loro mi ha stuzzicato parecchio!

    RispondiElimina
  2. Adoro i limoni per cui queste ciambelline già sono sicura che mi piaceranno tantissimissimo. tua mamma è una grande, me la immagino stile batman a scrutare la gente per capira chi ha o non ha la ricetta. Un abbraccio carissima

    p.s. ma perchè una roba così deliziosa è passata di moda??? mah

    RispondiElimina
  3. Quanto mi piacciono i tuoi post, come li "racconti", che siano ciambelle col buco o senza, alla fine ciò che sforni è sempre delizioso :-)
    Buon fine settimana :-)

    RispondiElimina
  4. Queste ciambelline, con il buco o senza, o anche se non sarebbe proprio corretto chiamarle così, hanno un aspetto fantasticooo!

    RispondiElimina
  5. Bellissime e golose queste ciambelline, grazie Emanuela!!!!!

    RispondiElimina
  6. golosissime e molto graziose!!!

    RispondiElimina
  7. Che buone, mi riportano indietro nel tempo..noi le chiamiamo ciambelle con lo "scilueppu"....deliziose!!! :)

    RispondiElimina
  8. Le ciambelline le adoro, quanto sono carineeee!!! Il limone nei dolci mi piace assai, mettiamole insieme ed esce fuori un dolce niente male!!! Dici che è più difficili a dirsi che a farsi? Speruma, vorrei tanto provare!! baciotti cara

    RispondiElimina
  9. There is nothing better than good old fashioned recipe. Sounds yummy

    RispondiElimina
  10. Si conosco questi dolcetti. Ne mangiavo quando ero piccola e in effetti non li trovo più. Grazie di averli postati! Mi appiccico

    RispondiElimina
  11. Sei bellissima e bravissima! Grazie per le ricette. Saluti, abbracci, e baci da tua cugina Americana. Mi manchi tanto!

    Con affetto,

    Michelle

    RispondiElimina
  12. Non ho mai assaggiato questi dolci... devo per forza provare a farli e cosí dopo ti dico!
    Rimango quá un pochettino piú.... baciii

    RispondiElimina
  13. Troppo belle, ti do +1!

    Ciao
    Alessandra

    RispondiElimina
  14. Ragazze...grazie a tutte per le parole carine e per essere venute in mio sostegno :-)!!! Grazieeeeeeee!
    Libera....grazie! Sei molto sensibile!
    Michelle...tesoro bello! Che gioia sentirti!
    Alessandra...grazie!!!
    Ancora grazie a tutte!

    RispondiElimina
  15. Mia cara cugina,

    La gioia di sentirti è anche la mia. Ti scrivo di piu via mail presto. Adesso sono stanca e vado a dormire. Bacioni e grandi abbracci da tutti, e specialmente da me!

    RispondiElimina
  16. Queste ciambelline mi ricordano quelle che preparava mia madre taaaaaanti anni fa. Che bello avere la ricetta bella e pronta, grazie a tua madre.
    A luglio dell'anno prossimo occuperemo la tua cucina per farle insieme, non vedo l'ora ;-)
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  17. caspita che buone,queste dalle mie parti le chiamiamo "taralle", le faceva mia nonna per le feste e per le occasioni speciali tipo cresime ,matrimoni o comunioni,adesso li compriamo in pasticceria,ma solo perchè pochissimi li sanno fare e ancora meno hanno voglia di farli in casa,la ricetta è ugualissima,
    mi aggiungo con piacere ai tuoi follower e alla mia lista di blog che seguo con piacere.
    ciao

    RispondiElimina
  18. sono all'opera con le tue ciambelline e non vedo l'ora di assaggiarle!

    RispondiElimina
  19. eccoci...
    abbiamo seguito la ricetta fedelmente, le abbiamo preparate..assaggiate
    e finite tutte....in un lampo..buonissime!!!
    Ci vediamo il 6 nella tua cucina.
    un bacio le 4 apine

    RispondiElimina
  20. grazie per la ricetta! sono buonissime e non le conoscevo :)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...